Edgardo Colombo - "la tua arte ... in internet" by Giuseppe Russo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Edgardo Colombo

Edgardo Colombo - foto

Edgardo Colombo è nato a Milano nel 1960.
E' stato per anni incassatore di pietre preziose, mentre oggi si occupa solo di pittura.
Ha esposto in varie mostre e concorsi, ottenendo premi e riconoscimenti: nomina a membro dell'Accademia Gentium Pro Pace, Gran Premio il Quadrato, Trofeo Musa dell'Arte/Artisti Europei, 1° premio Artestudio Costas nel 1994, 1° premio S. Ambrogio con medaglia d'argento per la pittura.
Conferimento d'Arte per l'alto impegno artistico culturale alla Collettiva Primavera 2011, Riconoscimento d'Arte al 2° Concorso Mimosa d'Oro.
Partecipazione alla mostra collettiva per il 150° anno dell'Unità d'Italia nel Castello di San Giorgio, Legnano 2011.

Concorso Internazionale "La Spadarina, al concorso "La Materia e lo spirito" ha selezionato l'artista con il dipinto dal titolo "lo spirito vaga nel colore".
Conferimento del Premio Oscar per le Arti Visive a Montecarlo; Esposizione al Gran Hotel di Portevenere 2011/2012 ; partecipazione a Vernice Art fair 2012 con la casa editrice Effeci; conferimento del premio biennale Gondola per l'Arte 2012.
Fa parte di diverse associazioni artistiche culturali.
Recensito dai critici Perdicaro Vaghi, De Bono, Chetta, Belgiovine.

Critica

Con la sua ricerca impegnata nel dare forma pittorica alle istanze dell'interiorità, nonché a rilevare segni di bellezza nella realtà ambientale, Edgardo Colombo tende da un lato a interpretare l'evidenza oggettiva, e dall'altro a riricostruirne una propria visione, fantasiosa ed emozionale, densa di sentimenti d'universo richiamo.
La sua pittura si spinge dalla figurazione ai territori dell'astrazione per naturale evoluzione, sottraendo i contenuti al legame della descrittività, per lasciarli intuire nelle metaforiche essenze dei colori, rivestendoli di lirico fascino.
Le sue immagini divengono così diretta espressione delle suggestioni che stimolano la creatività e delle sensazioni che si riservano nelle trame pittoriche caricandole di intensa vitalità.
Edgardo Colombo sintetizza nel gesto creativo ogni elemento oggettivo, conoscitivo, memoriale, onirico … curando scelte cromatiche e strutturazioni di modo che divengano di per sé espressive.
Le sue opere hanno riferimenti contenutistici narrativi ed evocativi relativi a un'ampia matrice culturale, e non mancano di investigare su misteriose, cosmiche realtà, che permettono vasti sviluppi alla ricostruzione fantastica e all'immaginazione, che nello spazio infinito dell'universo cerca risposte agli eterni interrogativi dell'uomo.
(R. Perdicaro)

"Con un linguaggio pittorico ben strutturato, sia nella definizione grafica che nella elaborazione cromatica, Edgardo Colombo interpreta soggetti scelti di preferenza nell'ambito naturalistico, con elementi floreali e animali, non escludendo riferimenti paesaggistici e cosmologici.
Le sue opere sono concepite in una dimensione figurativa nella quale le valenze contenutistiche sono coinvolte in simboliche traslazione, attuando una dialettica di ricerca e di comunicazione che nell'atto creativo ha il tramite ideale per l'affermazione di importanti valori: rispetto per la natura e per le cose, amore e ammirazione per la bellezza, riflessione sul senso autentico della vita ….
"Colombo è attento a comporre forme significanti con equilibrio e vitalità,con colori ben intonati ed espressivi.
In taluni casi privilegia toni narrativi elegiaci e poetici, in altri la sua narrazione si accende nel ritmo, mentre il colore asseconda con toni più decisi il vibrare delle emozione.
Nella sua pittura si avverte comunque una notevole sensibilità percettiva, una sincerità di sentimenti ispiratori, una spiritualità che valica i confini dell'effimero per proiettarsi verso mete universali.
Nelle opere dell'ultimo periodo egli ha accentuato tale aspetto anche sotto il profilo stilistico con l'adozione di un linguaggio sempre meno descrittivo, concentrato in una sintesi di forme cromatiche e ultimamente impegnato a ricostruire simboliche situazioni narrative puramente fantastiche.
Egli apre cosi un nuovo corso della sua pittura, segno di una vitalità ispirativa non acquiescente ai risultati raggiunti, ma costantemente disposta a recepire le istanze di nuovi stimoli.
(V.Cracas)

*** *** *** *** ***



cliccare sulla miniatura per un ingrandimento dell'immagine
 
cerca nel sito
Torna ai contenuti | Torna al menu