Ferdinando Ragni - "la tua arte ... in internet" by Giuseppe Russo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ferdinando Ragni

Nato a Collamato (Fabriano) un paesino nell'entroterra marchigiano.
Nando Ragni sinteticamente si racconta così: "Nei miei lunghi viaggi in terra d'Africa, rimanevo estasiato di fronte ai meravigliosi tramonti che solo in quei luoghi si possono ammirare.
La Sardegna ha poi contribuito ulteriormente a rafforzare in me questa visione magica e poetica del paesaggio. Sono autodidatta, ciò che faccio nasce dal cuore e da una tecnica acquisita in tanti anni di continua ricerca e di esercizio.
La mia pittura è l'arte del vero, è il figurativo della realtà che ci circonda, è il luogo dove potersi rifugiare per dialogare con le proprie emozioni più profonde e la propria anima".
Ci siamo avvicinati alla pittura di Nando Ragni, attratti dalle sue qualità di coerenza,di fiducia e di modestia.
Abbiamo scoperto così un patrimonio artistico straordinario che merita di essere approfondito.
Come interprete della figura umana, Ragni, per indole ed educazione un fine ritrattista, che sa cogliere ed interpretare ogni intimo atteggiamento.

Ferdinando Ragni - foto

Nelle figure traspare l'armonia fisica, come riflesso e completamento di quella interiore.
Nelle tele le figure si animano mediante l'intenso impasto cromatico che si trasforma in carne pulsante di fresco turgore.
La luce abilmente dosata e distribuita, fascia e penetra le membra esaltandone l'armonia e il movimento. L'interpretazione psicologica dei personaggi è evidenziata e resa dalla dimensione corporea.
Nel paesaggio o nelle nature morte di Nando Ragni tra gli altri pregi, un dato ci appare chiaro: i suoi quadri sono una calibrata sintesi dell'amore verso la natura, una ricerca delle essenze universali e delle cose materiali. Ci pare che l'anima stessa del pittore vaghi tra il perenne mutare e l'incalzare del tempo per fondersi con luci e colori fino a divenire un senso istintivo, una difesa contro l'ignoto che ci minaccia.
(Paolo Pais)


Le opere di Nando Ragni ci raccontano un vero viaggio spirituale intrapreso dall'artista, un  viaggio che si apre in due diverse eppur parallele direzioni: all'interno dei suoi quadri e all'interno di se.
Solo tenendo in considerazione questi aspetti è possibile entrare nelle scene descritte osservando come la luce ed  i colori escano dal quadro e avvolgano l'ignaro osservatore, che verrà così ricompensato con una serenità interiore profonda e rassicurante.
Nando Ragni è un artista autodidatta dotato di spiccata capacità tecnica ed intuitiva, che lo portano a trasmettere la sua visione spirituale profonda e consapevole della vita.
Un instancabile viaggiatore del tempo, che non ha mai smesso di stupirci ed emozionarci di fronte ad ogn'una delle sue opere.
(MALLEUS - Maggiore sciptorium Europeo)

DAL CORRIERE DELLA SOMALIA   ( 1966)


... Il vecchio Santone e ancora il Masai, sono immagini vigorose e ben incise, dal disegno e dal colore controllati con rigore, specialmente anche negli altri ritratti, dove sfondi dai bagliori metallici, si stemperano in sfumature in chiave sericea.
Nei paesaggi dai colori morbidi e vigorosi, l'artista esprime la poesia della natura nella sua essenzialità quasi incontaminata …
(Eugenio Postiglione)

*** *** *** *** ***

cliccare sulla miniatura per un ingrandimento dell'immagine
cliccare sulla miniatura per un ingrandimento dell'immagine
 
cerca nel sito
Torna ai contenuti | Torna al menu