Mauro Cancellieri - "la tua arte ... in internet" by Giuseppe Russo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Mauro Cancellieri

Mauro Canncellieri - foto


Mauro Cancellieri di Ancona ha iniziato a comporre poesie, in vernacolo, nel 2013.
Ha partecipato al "Festival dialettale di Varano", nel 2013, proponendo due poesie: "la purga francese" e "Gina e l'americano" selezionate e pubblicate nel corrispondente volume.
Ha preso parte a diversi "Recital di Posia" e partecipato a diversi "Concorsi letterari" riscuotendo lusinghieri successi.
Scrive con il cuore ed ha iniziato a comporre anche in lingua.


*** *** *** *** ***

"incontro con la Poesia" - 1° giugno 2014 - enter

video

Recital del 1° giugno 2014 - enter

Recital del 18 agosto 2013 - enter

cliccare sulla miniatura per un ingrandimento della stessa

Centotrentotto - 1/04/14

Quel vicolo dove sono nato, ora non c'è più!
E quel numero, in quel portone, piccolo e stretto,
dove si saliva per quattro piani, con gradini malfermi
e ballaustre in legno fattiscenti, ora non c'è più ...
poi sù sù fino ad arrivare a una soffitta,
dove li ho vissùto i miei primi anni di vita,
ora non c'è più!
Quella soffitta, tanto vicina al mare,
che potevi sentire la salsèdine sul viso
nei giorni di burràsca, ora non c'è più.
Ricordi d'infanzia innesorabilmente sbiaditi dal tempo.

*** *** *** ***

La festa de Sant'Antò - 17/01/14
De stu Santu se dice tantu beè, che amava più
le bestie che i cristià.
Na Dumeniga matina, de Genaio, me so alzatu e
a Candia so andatu, pe vede cume era sta festa.
Prima da rià in Chiesa, c'era un circuletu cul pà
benedetu, e i cesti pieni de panini che pudea
cinciga i citadini.
Io pe nu'fali ofende me so magnatu na pagnotela
co lonza salame e murtatela, pò ciavevo el gargalozu
sciutu, me so fatu uno col presciutu.
In Chiesa el curatu, a tantu predigatu le bunta de
stu Santu, e tra na litania e n'Ave Maria, de fora se
sentia na sinfonia, de sbajamenti, mancu la Mesa
se sentia.
Po uscitu fori el curatu, che pesava do quintali, a
datu la benediziò aj'animali, e la benadiziò pure ai
padrò!
Ho vistu gati, ca, tartarughe e pesci rosi ... ma mancu
l'ombra de capò, dinde e galine ... quele ane fatu na
bruta fine.
Me so imaginatu, che queli è andati a finì
in tela panza del curatu.

*** *** *** ***

La scosa - 19/01/14

Na olta cera più religiò da de, e pe le vie del riòo
pasava la prucesiò!
Pasaa el periudu de Pasqua, e tute le famije, faceane
a cure chi metea più luci intele lugete, era u spetaculu.
N'anu, ho vuluto mete de fora pure io na luce, ero
fiolo ... n'ero tantu pratigo.
Ho presu na lampadina, cul portalampada mezu
ruginitu e un filu longo, l'ho mesu cusci fora dela
lugeta.
Tuto cuntentu, spetao che la prucesiò pasaa li
sota, pe piciala.
Cume, la vedu rià, pio tuto el baldachì co n'do ma,
n'vito la lampadina ... n'so ncora el perché armanu tacatu lì.
La scosa me pasata tuta adoso, nu me rendeo conto de gne!
Vedeo tuto che balaà davanti a me, cui ginochi,
poò ho rotu tuti i vetri dela lugeta,
dopu è scupiata la lampadina e ma tajatu pure,
e n'cora ogi porto i segni.
Ma per meè, è stata già na grazia a ese qui avela scampulata.

*** *** *** ***

Vucumprà - 22/11/2013

D'Estate ... vai al mare, e te credi de riposà, te voi rilascà,
te meti n'te na sdraia ... pii el giurnale n'te le mà!
Ecute aria el vucumprà.
Je dighi che ciai tutu, nun te manca gne, un pò traviatu,
pii su e vai versu el mare a fate na nutata ...
stai li vicino riva ... stai a sbracià,
tacorgi che te sta a smicià un vucumprà,
cu na mà je fai de no, e lu se ne va pe un pò.
Pò! Te voi sciugà, te meti al sole a sgruciola
sopra el sciugama ... ecute aria el vucumprà.
Ogni volta, la solita solfa ... de roba che cià da rifilà el vucumprà, poò te raconta da n'do viè, quanti fioli cjà,
dela moje, dei parenti e cunuscenti.
Mancu liberu, de fa na partita a carte ... stai li a giugà
ecute aria el vucumprà.
A sera, rivi a casa ... che sei senza voce, e cul torcicolu
pe tute le volte che ai detu no!
E prima da calagiù dala machina ... stai a badà,
che nun c'è un vucumprà.
Ma sti pureti ... cume devene fà!
Stane a lavurà, pure loro devene magnà ...
sti pori Cristià de vucumprà.

*** *** *** ***

El crampo - 20/11/2013

Na matina, n'contro na migo mia,
de soto ntel porto de casa.
El vedu che camina zopu,
straginaà un'pò la gamba, incuriusitu je dumandu
cus'avea fatu, s'era fatu na storta, s'era
cascatu, al perchè caminaa cuscì!
Lu me risponde, che stanote mentre
durmia, j'avea preso un crampo tuto
n'te na volta, n'te muscolu del pulpacio.
L'avea svejatu dal dulore e fatu stride.
E ala moje je urlaa da faie un masagio,
e stridea "sente le duro, sente le duro".
Dopu un pezetu, je se pasatu el dulore
forte, m'ancora je facea male el pulpacio
e caminaa zopu.
E pò me raconta ... che mentre chiudea
la porta de casa pe usciì!
N'contra giù pe le scale, el vicinatu che
abita de sopra a lu, un pò più nzianetu,
che je fà "Oh se la note nun poi dormii
che c'è l'hai duru ... a me nun me frega
gniente!"

*** *** *** ***

El gabiano in salmì - 3/09/13

El gabià è l'ucelu che de più ha stimulatu la fantasia,
dei pitori, de poeti e scritori che l'ane vistu in tanti modi,
pensieri, sogni, imaginaziò, rime ... ciane scritu de tutu.
El gabià che vola luntano, che cià purtamentu e
andatura reale, che dorme sul mare, è il re dela scogliera,
lascia impronte sula sabia, vola liberu cu le ali aperte al
ventu, e chi più c'è n'aveva più c'è ne meteva!
Ma na olta unu de sti bei uceli, e n'datu a sbate in te na
rosa de palini d'un caciatore.
Ora la cosa nu è chiara, s'è colpa del gabià che ha sbajato
traietoria de volu, o del caciatote che la presu pe n'altru.
Fatu sta, che stu poru gabià, se truatu da li a pogu
senza vestiti, e drentu na pigna con saco d'odori n'torno.
Pò, cosci celane tenutu pe un paru d'ore, ma el
caciatore ha racuntatu che mancu la cartucia valeva,
era duru, sapea de pesce nun se magnava, nu cjaveva
gne de reale.
Al'ora del polo, de l'oca dela papera cusa saria da scrive, chè
pure loro è beli avede, ane purtamentu reale, nun dane
cunfidenza, saria da scrivece un sacu de robe, e pò!
E' pure boni da magnà.

*** *** *** ***

I moscioli de Portonovu.

Ariecheme qui dopo 30 ani, in te sta spiagia,
davanti c'io el mare, dietro la Chieseta.
De Portonovu cusa je voi di?
C'iane scritu de tuto pagine e pagine,
io digu solo ch è un spigolu de Paradisu in te la tera.
Ho tiratu fori dala sofita la saca de cula volta,
drentu maschera e pine, sempre quele, più el retacio.
Ade, p'andà in tel'aqua a pià i moscioli,
c'è vole el palò da sub, e in aqua ce vuria el pizardò
pe dirige el trafigo de palò!
Eculi li i moscioli tuti tacati in ti scoi, fo i fiati giù e su,
su e giù, pe stacali bisogna tira forte, è na fadiga,
non volene veni via, ma io so più tignoso e li strapo via.
Na volta in tera, pare un cantiere, omini, done e fioli,
tuti a pulili, chi li rota, chi li stacia e chi li pulisce col cortelu,
ma la fadiga cusè finita qui? Po a casa!
A casa li opro tuti a mà, pe nun faje perde la buntà, arostu,
ala tarantina,do spagheti, cume li magni li magni è na specialità,
e per tuta casa senti el profumu de mare.
Ala sera, so belo che coto.
Oh! Ma domà pe fane n'altra magnatela rivo giù!

*** *** *** ***

Le poste - 27/08/13

Na'olta so n'datu ale poste, stao alu spurtelu,
la mpiegata ma vuluto sape la data de nascita.
Io subeto prontu je dito jani!
Nu erane tanti, je lo detu tuti quanti, ho da pogu la sesantina.
Quandu da dietu de me: sentu na vucina che mormora
"Dopu la sesantina ... un dulore ogni matina"
Me giru na vechieta un pò sopra l'otantina m'aveva fatu la strofa.
Io pe s simpatigu je rispono co na batuta
"Nona qui de dulori, ala matina, nene unu solu è più de unu".
Lia sempre seria senza scumponase più de tantu, ma rifa!
"Se vede che a te! La sfiga ta presu in simpatia".
Oh! So scitu dale poste, parea che ciavevu ventani de più,
me dulea tutu e me mancaà da camina cul basto.

*** *** *** ***

Questa dedicata a questo rione di Ancona cancellato dalla frana del 1982

Il Borghetto - 21/08/13

Ti lasciavi la stazione di Ancona alle spalle,
superavi la Palombella e Villa Balducci, lo
trovavi lì sulla tua sinistra ... un borgo tanto
piccolo da chiamarsi borghetto.
Poche decine di vecchie case, che si
specchiavano nel mare, fatto di gente
tranquilla, una comunità di lavoratori
e pescatori.
Nel piccolo borgo non mancava niente;
negozi, bar e tante tante altre cose.
Ma una notte la collina che aveva alle
spalle, ha ripreso tutto quello che l'uomo
le aveva tolto in anni e anni di duro lavoro.
Ha iniziato a spingere il piccolo borgo,
sembrava lo volesse buttare in mare.
Quella notte la terra ha girato le spalle
agli uomini, cancellando sogni e
sacrifici.
Ora se passi in quel tratto di strada,
del piccolo borgo non è rimasto più
niente, solo il ricordo, neanche una
pietra, solo tubi di scolo e tanta, tanta
terra ammassata e tristezza!

*** *** *** ***
I Guati
Ani fà! D'sti tempi,meza Ancona la pudei truà giu el molu,
riaene n'tera i guati!
Neri,beli grosi e famati,era el pesce più bono che cera.
Tuti j'Anconetani se preparavane giorni prima
pe n'andali a pescà.
Chi pescava cu la milza, chi cui zampi de sepia
e i più rafinati coi mosculi salati.
Era na festa se cunuscevane tuti,
facevane a gare pe pià i posti mejo,
a b'ora el molu era già pienu.
Cume butai la togna in tel'aqua i guati becavane li per li,
e se cjavevi culo pure do pe r'volta ne piai.
Poò! Andavi a casa cu stu tesoreto,
e la sera a cena te licai i bafi cume i gati
pe sta magnatela de guati.
Oh! Sputavi i spiì pe do giorni, ma voi mete la sudisfaziò!
A deè, el guato nu lu magna mancu el gato, e se se trova,
so bruti, piculi, fini fini e sbiaditi nun sane de gne.
Avrane fato la dieta pure loro?

*** *** *** ***

Stabilimento balneare che si trova a Numana, più il propretario ci tratta male e più siamo lì (saremmo masochisti!)

Da Marinu - 3/04/13

Stu stabilimentu balneare, è più de n'istituziò, è na bota de vita,
belu, grane, c'è se sta bè n'bel pò!
Na orta c'era el padre, a de se n'datu a ripusa de la,
na fata de fadiga pe fa na roba cuscì, cul pureto.
Sci però c'ia lasciatu el fiolu!
"Hai detu gniente" lu ogni anu ne penza centu
de robe che duvria fa, ma el dente che je dole de più,
è un du mete le machine dei clienti,
el sognu sua se pudria fane na muchia a sei piani.
E' propriu n'Anconetà, sempre pruntu a pulemizà,
ma s'el sai pià è n'tozu de pa,
se fa in quatru pe contentà tuti, lu è cume la cruceta,
fori pica, dura e sbruzuloza ma drentu è un rusoliu.
Qui c'è pasati i conti e re, i richi e pureti,
è pasati j'ani e qui, c'è so cresciuti i fioli nostri,
ma n'ialtri semu r'masti sempre qui!
Oh Mauru! N'du lasciu la machina ogi?

*** *** *** ***

Dedicato a Papa Francesco

Checo el Papa novu.
Stu Papa d'ade! E cume el vi novu, più el senti e più te piace, t'entra tel core.
A chi nun piace saria da sgranfignalu tutu.
Lu cula matina che s'è svejatu da Papa! A pertu la porta n'du dormiva, e li fori
c'era nu soldatu Svizeru che facea la guardia, la fatu boca e ja datu n' pastarela
cu na taza de late, pensa te che cristià ch'è!
E pò! Lu vedi cu ste scarpe nere e i calzo neri, che jesce da sota la toniga quandu
camina, è simpatigo n'bel pò.
La prima dienza ca fatu in Piaza San Pietru, è roba che vole guida lu la machina e faceva munta dietru la scorta, quandu a fatu el giru mezu la gente, ogni tantu calava
gjò a bagia i fioli e malati.
E pò lu senti a discore rmani cula boca spalancata cume un gastrigotu, t'incanta
c'ià parole bone pe tuti, e propri n'tozu de pà.

*** *** *** ***

Quercia antica
Il vento dei secoli, ha attraversato i tuoi rami e le tue fronde.
I tuoi rami, solleticano il cielo, e sono rifugio per gli uccelli.
La tua ombra, ha fatto da riparo a viandanti e contadini.
Ogni anno, hai visto esplodere, intorno a te la natura,
la sua rinascita, tra mille colori e profumi.
Fai frutti che più nessuno raccoglie,
e tuoi frutti caduti in terra, sono d'intralcio al passo dell'uomo.
Hai anche visto passare la stupidità degli uomini ... le guerre.
Ora ... un anello d'asfalto ti cinge i fianchi,
sembra volerti soffocare, non ti lascia scampo.
Ma tu! Quercia antica, starai ancora lì, per molti anni,
a ricordarci il tempo passato.
Una mattina durante un forte temporale
Fronde, alti pioppi, lunghi fusti proietati in aria,
sentinelle di molti anni.
Fronde sferrzate dal vento, piegate senza pietà,
senza nessuna resistenza.
Come una mano invisibile, furiosa e senza controllo,
che si abbate su di loro.
Sballottate, scosse ... violentate, roteate su se stesse,
fino a spezzarle ... e farle cadere a terra.

*** *** *** ***

L'Alba - 26/08/14

Sole nascente, tu che sei padrone dell'Oriente,
che baci il Conero faro naturale dell'Adriatico.
E il monte è il primo a vederti, prima un puntino,
poi tutto il tuo splendore.
Gli riscaldi la falesia ferita, le bianche calètte,
fai brillare la tua luce sul blù del mare come diamanti,
su rovi di ginestre appena sbocciate,
su gabbiani addormentati e cullati dalla risacca.
Lontano silenziosa scivola via una battàna,
e il suo vecchio pescatore,
intento a salpare le reti piene di un magro bottino.
Le tenebre della notte, ritirano velocemente il loro velo
di ombre, prima dal monte, poi da paesini e borghi antichi.
E i tuoi raggi si incastonano tra vicoli e piazze, ridoni i
colori della vita, tutto si rianima, tutto riprende corpo.
Aspettando un'altra alba!

*** *** *** ***

Viaggio in aereo diretto a Mosca

Sopra le nuvole

Mi è capitato di fare un volo straordinario,
sopra le nuvole, sembrava di stare in un mondo ovattato,
un mondo magico.
Queste ogni attimo cambiavano forme e colore,
si rincorevano tra loro, vedevi solo loro maestose,
imponenti, montagne di nuvole senza peso.
In quel momento sembrava di essere sospeso e
fermo in aria, e nel mio io ... ho pensato di quanto
siamo piccoli ed inermi di fronte al creato.
Lo sguardo spaziava all'infinito,
poi attraverso piccole aperture nelle nuvole,
si poteva rivedere la terra, giù diversi chilometri
più in basso.
Guardavi le città e i piccoli paesi, che piano ...
piano si allontanavano alla vista, per diventare
sempre più piccoli.
Dopo sempre più giù,verso la terra che si avvicinava e ti riabbracciava con le sue meraviglie, ma una volta lì!
Rivolgevo lo sguardo a quelle nuvole che mi avevano
fatto sognare, e accompagnato per un pò.
E non potevo, non pensare a quel volo straordinario!

*** *** *** ***

Un momento particolare.

Vita                                                 

Nasci e passano anni di giochi, di studio, di lavoro ...
ti affacci alla vita, con occhi chiari e puliti,
e ancor non pensar alla fine che verrà.
Forse ti sposerai, avrai figli e poi nipoti.
godrai a veder quello che sei riuscito a fare,
ma forse non avrai più occhi chiari e puliti.
E ancor non pensar alla fine che verrà.
Ti passano in fretta gli anni, ma non ti accorgi
e non ti preoccupi, ti godi il tempo che doni al tempo.
E ancor non pensar alla fine che verrà.
Passeranno momenti felici, e momenti difficili,
si vedrà andar via qualcuno di famiglia,
o amici cari, ma si va avanti con dolori e rimpianti.
E ancor non pensar alla fine che verrà.
Poi il tuo corpo non sarà più quello di una volta,
tutto sarà rallentato, e avrai arti non più veloci a muoversi,
e cose che a fatica capirai.
E ancor non pensar alla fine che verrà.
Quando starai da solo, il tuo pensiero forse
ritornerà a quei anni passati,
mille dubbi ti attraverseranno il cervello,
avrai fatto tutto e bene! O potevi fare di più!
Avrai fatto del male, e ora hai paura,
non c'è più tempo per rimediare.
E inizi a pensar alla fine che verrà.
Sai che queste ore saranno le ultime,
avrai paura, quando arriverà quell'attimo,
lo sentirai arrivare, e cercherai con tutte le tue forze,
di aggrapparti a quel filo sottile che si chiama respiro
e che ti lega alla vita.

*** *** *** ***

La nalisi del zzanguè - 4/08/14

Tempo fàa, so n'datu dal dutore ... mancu me r'cordo a cusa fà.
So bèe che chu luu me scapa fora cu ste parole
"Oh! E' ora che fai la nalisi del zzangue,
pe vede almeno che culore è!"
Io de curagio, c'è n'aeo pogu, me facea brutu a fàa ste nalasi,
stao male solo a penzace.
Ma na matina, me foo curagio, e voo al Piàa a fale.
Sto a fa la fila, e sentu n'torno a me che diceane
"io l'ho fate sei mesi fà, n'altro era n'ano, n'altro do,
chi tre ... chi quatro ... oh!
Io ero medaja d'oro era venticinque ani che nu le faceo.
Fatu staa, tucaa a me, bocu drentu ... e già stao male,
Me caane na prueta de zzangue, pòo me leane e lacio,
digu soo a postu.
Mancu per gnèe, cume m'alzo dala sedia, cumincio a
vedee tute luciulete, e pòo nu me r'cordo più de gnè.
Ma quandu so cascatu, nun me duvria ese fatu tantu male.
Dopo! Operto j'ochi, stao colco n'tel letì
con n'torno quatru o cinque n'fermieri,
e le gambe l'zate che pareo na dona che duvea partorì.
E liì ho subito penzato, adee sto bèe n'altri venticinque ani,
prima da fàa la nalisi del zzangue.

*** *** *** ***

Scritta per il matrimonio di mia figlia il 5/7/2014

Espusariziu

Se dice se sposa tu fiola! E cuusa voi che sià!
Ai detu gne, è na roba grosa un bel pò,
se prima durmiì pogo, e cu n'ochio solo!
Adèe! Li tieni perti tuti do, e nun dormi più per gniè.
Cjai paura de nun fa bèe, i vestiti, le partecipaziò,
i cunfeti, li musicanti e pòo c'è na marea de robe da penzà.
El pranzu pòo! Nu te digo, è bonu è catiu, è pogu è tantu,
tee nun te voi fa cujonà, ma a quache cristià nun je piacerà,
sturcera el nasu ... pazienza me dispiacerà, magnerà mejo duma.
Adee, che stu bel giornu tantu sugnatu è riatu,
e c'è n'torno tanta gente, speriamu da ve fatu bè
e che nun è mancatu gniente.
Cumunque, ogi in Chiesa, o fatu come zia Marieta
è venuta giù na lagrimeta, me so fatu pià dala cumuzio,
sci tieni duru pe un pò,
ma el core nèe na scorza de cruceta duru e sbruzoloso,
el core è, bagnatu morbido è cume el pàa, e prontu a slagrimaà.
E pòo, nun vulemu parla dela madre dela sposa!
Sti mesi, me parea che se duea spusà pure lia,
nu staa ferma u'mumentu, parea tarantulata.
Lia a casa facea da capo cantiere truaa i lavori per tuti,
a me, ma fatu perfino lucidà le scale cul sidol.
E dela sposa, cusa je voi dìi! Solo fiola mia quantu sei bela!
Me sa che ogi poi gira tutu el mondu più bela de te nu c'è,
la devi anda in cerca cul lanternì n'altra cume te,
sei più bela del zzole.
E n'sieme a Ericu, cai presu pe maritu, tuti do furme na custelazio.
E alora tanti guri de felicità da mama e papà.
Pee finiì, un grazie spasciunatu a chi c'è e a chi è mancatu.

*** *** *** ***

Parole povere - 9/04/14

Parole o brani, che tutti possono comprendere.
Che tutti, sentono come fossero le loro parole,
come fossero i loro sentimenti, che ti attraversano l'animo,
e lasciano almeno una traccia a chi le ascolta o le legge.
Parole complesse, frasi costruite con espressioni artificiose,
trovate chissà, in quali dimenticati libri.
Frasi che ti lasciano indiferente, non servono ...
Sì! Impressioneranno, stupiranno,
cercheranno di mostrare cose astratte, effimere,
mondi aleggianti in'aria, che solo l'autore vede o immagina,
ma sono parole che non scalfiggono lontanamente il cuore.
Padrone lui! Di dare emozioni e sentimenti,
il sentimento vero, quello che puoi toccare con mano,
come l'amore, il dolore, la tenerezza e quant'altro.
Ben vengano parole povere.

*** *** *** ***

Dedicata alla mia maestra di ballo lisco.

PAOLA

Chi la chiama Paola, chi la chiama Paoleta,
lia è na balerina prueta.
Poi giràa tuta la sala, nu c'è nisciuna cuscì braa!
A nialtri! I bali, c'è la n'parati tuti quanti.
Se r'corda tuti i muimenti, e pò l'impara ai presenti.
Chi nu la cunosce e stàa balà,se ferma pe stala a guarda.
Quandu bala, e je guardi bèe ... i piedi nun tocane el parchèe,
è legera e vola via.
Se a fine serata, la vedi sfinita e nun se stragina,
nun te devi preucupà n'altru balu te lu fa fa.
E pòo, pe nun perde la mà, lia te fà pure un cjà cjà cjà,
e mancu a face a posta, pe fa la bela,
lia te bala pure la cucanela.
E pure na bela dona, nel fratempo è diventata pure nona.
Pensa cumeè furtunatu el maritu,
che vicino cja n'angelo vestitu.

*** *** *** ***
Foglie gialle - 29/01/14
Nuvole nere che fuggono via/
svuotate del loro insieme/
rivoli d'acqua piovana/
trasporta foglie gialle/
come antichi velieri /sballotate,
gavinate, affondate e riemerse/
man mano si allontanano/
per sparire alla vista dietro il primo dosso.

*** *** *** ***

Nebbia - 29/01/14

Sagome in lontananza/
ombre scure senza colore/
passano accanto in muto silenzio/
passi frenetici che si allontanano/
tutto attorno è coperto di bianco/
di un'impalpabile velo che tutto bagna.

*** *** *** ***

Quando Napoleone venne ad Ancona, voleva distruggere la cattedrale e secondo la storia, e non leggenda, il quadro della Madonna aprì gli occhi e lo fisso'

El Domu - 15/02/13

Per me! El Domu è la chiesa più bela d'Ancona.
In du vai, vai, lu vedi dal Pinochiu, Pusatura,
Taernele lu vedi da tuta Ancona, belu, biancu, grande.
E pò se nun era belo!
Miga lu facevane lasù in cima un du lu vede tuti!
Lu facevane più in baso no!
Drento al Domu pò c'è un quadru dela Madona che n'avolta,
in Ancona è venuto un generale da fori,
el chiamavane" Napoleo" un picoletu!
Soto i tachi ciaveva e riportu,
do rechie a sventula e na blusa che nun era mancu la sua,
je stava larga, elu!
In do era i butò c'è tenea la ma, pe fala bate bee.
N'dava in giru pe Ancona e diceva "mazo tuti",
brugio tuto, fo n'macelo.
Cume vede el Domu, vidioso da tanta beleza fa "te pe primo"
pena bocato, pia el quadru n'te le mà!
Ma la Madona opre j'ochi e je da na smiciata,
a lu je basta mezu secondo pe capi dav'è sbajato cità,
era mejo n'da via.
Pia su i fulminanti tuta la roba sua,
i suldati e batajo che già se la facevane n'tei calzò e pò tela ...

*** *** *** ***


Nasco poeta dialettale e questa è stata la mia prima poesia, dedicata ai miei genitori quindi e' da poco che scrivo ... sono un principiante.

Gina e l'Americanu, ‘na vita n'sieme - 11 gennaio 2013

Gina è mì madre
‘na duneta nata a Filutrà ‘n'tel 30.
L'Americanu saria mì padre
natu a Casine de Paternu n'tel 21,
sopranuminatu l'Americanu per via dela guera in Africa
‘ndù che l'ane fatu prigionieru i Francesi per datu po’ aji Americani
che l’ane depurtatu ale Hawai a Honolulu
‘ndù è r'mastu do tre ani,
èna’ mastela qunat’ha giratu poru babu!
Qnad’è r'turnatu a casa s’è datu dà fà per becà ‘na dona,
come ane fatu tuti, e …. nun capita a Filutrà!
Capirai mi madre, apena ha visto el citadì
s’è namorata e de lì a pogo è sucesu el patatrac
e s 'ene duvuti spusà.
Venuti in Ancona, ene andati a stà de casa ala Palumbela,
in te ‘na sufita divisa da ‘na tenda, camera e  cucina senza finestre,
e lì sò natu io.
Ma però, da fiolo me sa che n’ero bono, eru un birbaciò,
mi madre me ce rivava speso, e po’ me diceva
“quando ariva tu padre pii el resto”, oh! io piavo sempre el resto.
Tuti do ane lavuratu sempre, lia casalinga, lù cento mestieri,
per nun face mancà gnente.
Pureta, a mi madre la salute jè mancata sempre,
prima la vista e pò el diabete ala fine faceva pure la dialisi,
h'ane tiratu avanti 60 ani, sempre insieme.
St'ano però, i aciachi erene davero tropi
e Gina nu je l’ha fata più a supurtali
e poru babu er mastu solo.
Ma a penzace bé
per me e pe mi padre lia è sempre a sede lì
‘ntel posto suo ‘ntel divano de casa.

Questa poesia "na purga francese" insieme alla poesia "Gina e l'americano" le ho spedite al concorso
"Festival dialettale di Varano" n. 39 - sono state segnalate e letta "la purga" il giorno della premiazione e stampate sul libro di poesie e narrativa del festival.

Na purga Francese - 20 gennaio 2013

In tel 2002 io, mi moje co na copia d'amighi semu vuluti pel'ultimu de l'anu anda a Parigi, cu la curiera de na dita de viagi.
Bela Parigi, e Luvre, la tore Eifel, L'Arcu de Trionfu, Versai, Mulin Ruoge ecc ecc.
Ma in tel viagio de r'torno è caduto elfinimondo, dopu pogu da Parigi, st'amico mio fa ferma la curiera mezu la campagna in tu gabinetu isulatu pe i dolori de panza, cume la curiera opre le porte, un curi curi, non so calati gio quasi tuti!
Oh! Erimi cinquanta persone stavene tuti male, e li avemo capito che sti Francesi avevane meso qualche purga in tela culazio n'albergu.
Dopu du ore, semo r'partiti da li, ma al primo autogril giù pe l'autostrada ce semo duvuti riferma, n'altra sdolorata e li semo r'masti fermi cinque ore.
P'anda in tei gabineti cera la coda, omini, done senza vergogna, busavane a queli drento pe tira via, se spojavane prima p'ese pronte quando tucavane a loro, se storcevane pei dolori che li portavane via.
S'erane finito pure la carta genica, io che ero unu dei poghi che stavane bee, facevu da n'fermiere, andavu a pià i tuvajoli de carta tel ristorante apreso e i limo pe strigne, pò caregiavu l'aqua pel gabinetu dela curiera, pure quelu pienu de gente.
In tel cul momentu che erimi fermi, nu capita n'altra curiera d'Italiani!
Ce dice "hane purgatu na gita de Taliani", a no elvenì a di !Semu n'altri!
Oh la notizia sera sparsa pe tuta l'autostrada finu in'Italia.
Comunque verso sera vemo racoltu i feriti e semu r'partiti, n'ene mancate altre fermate e semu riati in Ancuna dopu ventisei ore de viagiu, finitu la gita, e senza che niscunu s'engrasatu d'un chilu.


60 ani - 10 febbraio 2013

Quando ciavevo 13 ani!
Pensavo cume so’ piculo, nun so’ bono a fà gnente, so’ andato a butega a 'nparà a fà el barbiere da uno detu Fighetto al Pià.
Ma ho duratu pogu, nun me piaceva, se fadigava pure la Domenega matina.
Pò: ène  riati i vent'ani, vulevu spacà el mondu, ma me so guardatu n'torno e ho visto che nun c’era gnente da spacà, tuto da custruì, pure el futuro mio.
Dopo me so sistemato, e'lavoro, ho preso moje, me so cumprato casa, è venuti i fioli, e ène  pasati j ani.
Adè che ho finito da pogo sesant’ani, guardo dietro e digo: mama mia!
E' pasati tuti st'ani!
Nun me so’ reso conto, rivedo tuta la vita mia fin da picinì, ricordi beli e meno beli.
Rigiro la zoca e guardo avanti, nun so cusa la vita me regalerà, pensu solo che el più è andato.
Adè la vechia barbieria nun c'è più, al posto suo hane meso un negozio de vestiti, ma sopra al negozio la scrita barbiere n'cora c'è!


Questa dedicata a mia madre che non c'è più

Ma! - 13 febbraio 2013

St'anu pure è pasatu Natale,in giro c'era tanta gente cuntenta.
Per me però 'nun è statu cusci! maa,nun c'è lo più ,me morta, e pe la prima vorta in vita mia,vemo fato el pranzo de Natale senza lia.
Sci c'era mi moje, i fioli, mi padre cula badante, ma n'tel tavulì du magnami, el postu suù era votu.
Quanto je piaceva i capeleti fati a ma da mi moje!
Pò se meteva a rusiga na cosca de dinda e n'ala de capu, sempre cu la testa basa che parea un curidure de biciclete, cul diabete che ciaveva pure el dolce  magnava.
Io n'tel tavoli cul giurnu pensavu a lia pora ma, me ricordu na volta, che lo fata rabì!
Mente n'davo via e chiudevu la porta de casa!
Sentu a lia cula voce tuta sgalita che me fa "ciambotu!"
Grazie maa!
Quantu me manchi.


Carnevalò de n'avolta!
- 21 febbraio 2013

Oh! Gente! Ve r'curde cume era belu carnevalò in Ancona!
N'avolta facevane do o tre sfilate de cari, giù pe corsu Garbaldi, e giù pe corsu Carlu R'bertu al pià.
I cari pò vinivane pure da fori, da le fraziò, c'era pure la premiaziò pe el più belo, sti paesi facevane a cure pe fali mejo.
Dai cari pò! Laciavane caramele e ciuculatì aj più picinini, e pò tante mascherine a piedi, era na festa!
I curianduli li sputavi pe tre giorni, ai scupì ce vulevane na setimana a pulì.
N'vece Dumeniga capito n'ancona a vede culo de st'ano!
I cari Boo!
C'era un grupo de Peruviani cui sonai in ti ginochi, che se sbatevane pareane mati, n'altro grupo de Bulivane picinine, picinine che balavane, che quandu ne Carnevale fane le badanti pe Ancona.
E le balerine Brasiliane!
Tute nude, una era arta du metri, a mee!
Me sa però che più de ina era un'ino, sbajerò!
Ma oh! Pi fioli cera qualco!
Mancu la corsa a pià i dulceti.
Quantu eri belu Carnevalò n'volta, j'arlechino, i muschetieri, zoru, le fatine, le damine ... n'do e n'dati a finì!
Cui tempi so pasati, ma quanta nostalgia.


Escasamento - 19 aprile 2013

Da piculì, stao de casa a riò de la Palombela, n'tel vigulu scarigarechie, un'do era elgarbunaro Pajcio.
In te na sufita co du finestrele che solo la testa centrava pe vede fori, ma ce stao cuscì bèè, na roba finta.
D'estate pò n'davo al mare n'tela spiagia de la salute, che pò nun so perchè la chiamavene acusci, se ogni ano ce ne muria un paro de cristià!
U' Jorno, boco drentu casa, mi madre me fà "o fiolo ciane datu la casa pupulare nova, fra n'mese scasamo sei cuntentu?"
E na Madunina!
Ma piato un colpu, el core nun bateva più un capestorno da murì, me parea dave piato un sfragelu de bastonate.
Io nun vulevu scasa, nun vulevu lascia casa mia, nun vulevu lascia jamici, la scola mia, anche s'ero un sumaru e na canajà, questu era el mondu miu, era tutu quelu c'avevu.
El piagne, ce singhiozavu pure, nu me ne faceo na ragiò, sta roba la vedeo cume na Puniziò, nun pudeo capì.
De note, m'alzavu e meteo la testa in tela finestrela, e guardavu fori le luci dela staziò e piagnevo, nun sapeo n'du era casa nova, in du andau a finì, ma drento al core sapeo, che jamici e casa vechia nun li rivedeo più.


Nu zoco de legnu - Ancona, 15 luglio 2013

D'inverno, certe sere te stufi pure davanti a la televisiò
o al cumputer, e nu sai cusa fà.
Al'ora pii un zoco de legnu e lu buti n'tel camì,
spegni tute le luci drentu casa e te meti la davanti.
El zoco nu tradisce mai,
quandu a preso a arde e nu spetaculo,
ogni mumentu cambia culore,
nun te stufi mai de guardaje,
t'afascina r'man' incantato,
hiupeta fa le scintile e cume discene a Mascerata
fa pure i luzini.
Dopu, quandu cuminci a senti pure el calducio che fa!
Te senti bee n'bel pò,
e te viè da di che a stu Mondu nu ciavresti
bisognu più de gnè,
te pare da sta n'Paradiso.
E lasa che fori trona,
lampa o buta giù la nee!


Questa poesia è dedicata ad una cara amica di famiglia, si fa chiamare zia


Zia - 13 maggio 2013

Lia de nome fa Gatu, ma con quel visino
se pudria chiama pure vulpino.
E' na duneta, che tuti vuria cume amicheta,
simpatiga, carucia, fine e giovanile.
Cjà tanti niputini, ma miga so piculini!
So tuti grandini, cane fatu pure i suldatini,
e lia ogni tanto je porta i ciuculatini, cusci
je finisce a ruvina i canini,
e a tanti je ne rimasti pughini.
Ma nun je devi fa nu sgarbu,
se no! cu nu sguardu e na smiciatina
te fa la schedina e te purelo
te manda al paeselo.
Cunosce tuti e vole be a tuti,
e quandu te se mete a sede davanti,
vole sape de tuti quanti.
E tra troni, lampi e un temporale
ne sa più de n'giornale.
Pe Pusatura è n'istituziò,
na cosa bela
saria da fai na statua a piaza Padela.


Questa e' tutta verità, come andavo a scuola io e purtroppo i risultati si vedono
Ancona - 12 luglio 2013


La Feruchina

Mi madre speraa che el fiolu suu avese studiatu e diventase un dutore da  grane, cume tuti i genituri pensu!
Ma io da fiolu eru na cilichia, nu magnao, eru secu rabitu quelo che butao giù lu rimeteo.
Al'ora mama che me vulea bee un bel pò e me curaa lia, quandu andau a scola, pe dame e'nergia e forza, me facea pià na taza de late cul pa molo, e un bichierì pienu de feruchina o de marsala l'ovu tute le matine.
Uscivu dal purto gia jmbriagu, pudeu n'anda be a scola!
Furtuna el bidelu che quandu me vedea pasà li davanti, me piaa e me portaa in clase, senò chisa n'do riao.
Pò me meteo intel'ultimo banco e verso mezugiurno, pasata la sbornia rindau a casa.
Tee! A un fiolu sota aj dieci ani, daje da be la feruchina e la marsala la matina, voi che n'para pure qualcò?
Ade me troo senza laurea in medicina, ma co un certificatu medicu in du c'è scritu, principiu d'alculismu e segui de cerosi epatica.
Oh! La cariera da dutore me morta prima de nasce.


Scritta per il terremoto di annoscorso nel mese di luglio


Il Mostru - 21 luglio 2013

Avemi chiusu la serata cuj amici molto bèe,
avemi magnatu la piza e chiachieratu n'sacu.
Erimi pò n'dati a durmì tranquili cume Papi.
Era Dumeniga matina la gente durmiva
nun c'javeva da gì a fadigà.
Ma a te nu te spetami de sciguru,
r'mai da più de quarant'ani
che nu te facei vede da ste parti,
e nun eri mancu el benvenutu.
Sei riatu n'vece hai fatu un casì dela miseria,
n'sacu de rumore, hai sgrulatu case e palazi,
hai spauritu tuti ,vechi ,fioli, done e turisti.
Ma perchè nun te dai na spechiata
e vedi che fai propriu schifu,
sei n'mostro, ma cusa voi
face murì tuti!
C'è buti giò le case, meti in ruina n'tere famije,
mazì i cristià, fai sta n'anzia tuti,
perché cjavemu poghi prublemi!
Ade metetece pure te.


Filottrano paesino vicinanze Ancona, paese dei miei nonni


La curiera pe Filutrà - 21 luglio 2013

Mi padre la patente e la machina nun c'è l'auta mai,
e cula volta pe n'da a trua i noni mii a Filutrà,
piami la curiera io e mi madre.
La curiera partia da piaza Stamira n'Ancona,
ni'altri muntami su a la staziò!
Cume c'è vedea l'autista,
che r'mai c'è cunusceva!
se metea le ma n'ti capeli,
già se maginaa cume saria statu cul viagiu lì.
Subitu c'è facea mete n'ti posti davanti a sede,
sapea che la curiera c'è facea sta male.
Apena riati al Pinochiu, io e mi madre già rrmetemi
el pranzu de Natale del'anu prima,
e spurcami pure elpadreternu,
pò prima d'arivà n'Osimu,
un paru de fermate estra
l'autista le facea pe face r'pià
a me e lia de quantu stacemi male.
In Osimu la curiera stacea ferma na mez'oreta prima
de r'parti pe Filutrà, e li io cu mi madre dami el mejio.
Tacati n'tele culone dela piaza grane, finimi a da fori
pure el pranzu de Pasqua
mentre l'autista carigava la posta e i pachi,
e pulia a bordu n'du vemi spurcatu.
Riati a Filutrà quandu scendemi amumenti l'autista
mancu c'è salutaa pegnente, de quantu era n'cazatu.
Furtuna mi nona che pena bucati drentu casa
c'è facea trua sul tavulì n'piatu de minestra sempre calda,
sera mmaginata la fadiga e tribulaziò
che emi fatu pe rr'ia a Filutrà!


Il pesanti' un spiritello per chi crede e non perche alla sera hai mangiato pesante, io non ci credevo ho dovuto ricredermi.

El Pesantì - 24 luglio 2013

Io nun c'è credeo, sentio a parla de ste supestizio'!
Se sa le persune anziane ne parlavane speso,
e nun le stavi a senti, e je c'è rideo pure.
Diceo semu n'tel tremila en'cora parlane de ste robe!
Ma la sturiela del pesantì, quandu la r'contavane
me c'è fermavu a sentila.
El pesantì, saria un spiritelu che te mentre stai tel letu
pi fati tui, lu se te mete a sede sopra e te bloca tutu.
Nun poi parla, nun te poi move, mancu respirà,
poi a pogo pogo torna tutu normale,
a me! me parea na sciapata.
Ma na note mentre durmio a boca sota,
me so svejatu!
Eru paralizatu tel letu,
cjavevu sopra la schina qualcò
che me tenea blucatu in ti lenzoli,
nun me pudeo move,
vulevu chiama juto, perché vedeo la luce cesa giù
pel curidoio de casa.
Gnente nun'usciva la voce, el core me batea parea un
locomotore, ho penzatu ade moru, eru svejo capiu tutu!
Pò, so riuscitu co la coda del'ochiu a vede n'ombra
a calà già dal letu e sparì, tutu è turnato nurmale.
Eru n'bagnu de sudore el core ancora batea forte forte,
ho urlatu che mera t'urnata la voce.
Ma io da cula sera sul pesantì nun c'jo risu più,
e mancu scherzu più!


Poesia - 20 agosto 2013

Poesia
che cosa è la poesia!
La musica è poesia ... il canto degli uccelli è poesia,
il rumore del mare è poesia ...
il pianto di un neonato è poesia.
Cercarla, prenderla e farla prigioniera
in un foglio bianco,
che guardo .. che fisso, e piano ... piano
inizia a tingersi di parole, di frasi ... di sentimenti.
Nò, nò ... non è facile scrivere
quello che dal cuore trasuda,
la mano tremula è insicura,
ha paura di sbagliare,
ma il cuore la comanda, la spinge,
parola dopo parola, di punti virgole e vocali.
Si! D'errori c'è ne saranno tanti,
ma sono emozioni, e l'emozioni sono quelle vere
non ci sono errori.
Io non sò! Cosa sono, poeta ... scrittore,
pagliaccio o buffone, ma ora il foglio
che prima era bianco,
e sporco di parole ... belle ... brutte,
ma sono emozioni e poesia


Voci che si odono, l'estate in riva al mare di pescatori, pensionati o altro


Lupi di mare - 9 agosto 2013

Pe trua i lupi de muntagna, bisogna andà sule Alpi
o n'Abruzo, e pò ne facili vedee e sentili a ululà.
Hane quatru zampe e traversane i monti.
Invece queli che digo io, queli de mare
ne dificile a truali.
D'Estate se troane mejo a grupeti de quatro o cinque,
e cjane do zampe.
Li troi lungu le spiagie, nun'ululane, ma parlane, parlane,
parlane, e se li stai a sentì, ne sane più de nin ciclopedia
e seviziu meterulogico.
C'è quelu che smicia el mare,
prevede tre giorni de temporale,
quelu che nun gambia tempu
e mare calmu pe tuto el mese.
Quelu che indica i posti mejo pe cala le retine,
ma lu e sfigatu e nun pià mai gne!
Pò c'è el pescatore de mosciuli,
che nun se sà quantu va sot'aqua a pià queli più grosi,
n'altro parla de Grecale
e Maestrale, fane a chi ne sa de più, e ne dicene de più!
Ma me sà che sti lupi de mare, mancu el mare
ane traersatu mai!


La mamma di un mio amico di nome ezio

La madre d'Eziu - 14 agosto 2013

Quando so n'dato de casa ale Taernele,
era nu riò novo,
le case erane poghe, davanti casa era tuta campagna.
E pe nialtri fioli, era el paese dei balochi,
c'è giugami a fa la guera, n'dami a cacia de lucertole,
facemi la capaneta, e quandu facea quasi sera,
giugami spesu a nascondì.
Me ricordu na olta, na mico miu Ezio ...
sera nascostu cuscì bè,
che mancu cui ca dela pulizia el truami.
Io che eru de conta ala tana
nun sapeo più cusa fà,
a quel'altri li avevo visti tuti, lu no.
Meru stufato, el chiamao,
gnente era sparitu mezu la campagna,
alora ho cuminciato a tira dei zupi a casu n'do capitaà.
N'aeo tirati na decina, quandu da dietru na frata,
è scapatu fori Eziu, tenea le mà n'tela testa
e curia cume un matu, a presu le scale de casa,
parea un tarantulato.
Dopu un pezu, se facia dal balcò la madre tuta rabita,
che me fà "Hai vistu c'hai rotu la testa a Eziu!"
Io mezu spauritu jo rispostu, che nun ciavevo fatu a posta,
che giugami a nascundì e ho tiratu i sasi
perchè nu'ltruao.
E lia più Rabita de prima me fà
"N'be cuscì se troa la gente!"


Dopu l'elezio
- 26 febbraio 2013

Che nazio furtunata che s'emo!
S'emo n'dati a vota!
A chi vutavi vingeva, ane vintu tuti.
Ade sti partiti, fane tuti jn'teresi de n'altri, via la disucupaziu, via l'imu, se te pogu pogu rubi, n'un te devi precupà, te dane el cundono in galera n'un ce vai.
Se fine ano scrivi sbajatu i soldi guadagnatu!
N'un sarà miga la fine del mundo, te perduna.
J'ospedali, le scole, le mejo d'uropa c'è dane.
Tuchera chiude le frontiere, perché tuti vurane veni sta de casa n'Talia de quantu se stara bee, i Tedeschi, i Francesi, J'nglesi tutu tuti.
Eviva l'elezio che a babu je ridane pure i panolo.


Scoglio di Portonovo


Scojo vechiu - 22 luglio 2013

Quanti fioli hai fatu munta su pe fa i zucheti!
L'hai fati d'verti, fioli e grandi hane prufitate de te.
Jai fatu pesca i muscoli che vevi n'torno
pe fa do spagheti o risotì da licà i bafi.
Eri na sicureza pe tuti, mesu li a poghi metri da riva,
un punto de riferimentu, na meta da ragiunge.
Venisi su da sota l'acqua, spurgevi fora più d'metro.
Ade! Dopu tant'ani ho vutu dificulta a rivedete,
sei quasi sparitu, e quela mastosità c'havevi
nun c'è l'hai più.
Na maregiata ta purtatu via metà
de quelu che te vantai tantu.
Ade sei diventatu un scojo nurmale a pelu d'acqua,
pure a te è pasati jani, e nun te cerca più nisciunu,
mancu i fioli pe fa i zucheti!


Ancona 17 luglio 2013

Carlì

l'ho cunusciuto tel treno
che c'è purtaa a Roma pel militare,
lu staa de casa al Ghetarelu, io ale Taernele.
Pò a Roma semo stati sempre n'sieme,
li n'avemo pasate tante.
Più tardi se so divise le strade nostre,
io so r'masto a Roma, lu n'Ancona.
Poi c'è semo r'truati a laurà
pe la stesa ministraziò pe tant'ani.
Lu sempre indafaratu curea sempre,
era diventatu sindacalista,
e pò preso dala pasciò
era riatu a cunsijere cumunale
pe qualche anu.
Sota le vutazio lu pudei trua al Pià
che daa via i vulantì del partitu,
cjavea na parola pe tuti.
A me ch'ero n'datu prima de lu in penzio!
E je rusigaa un pughetu.
Quandu me vedea, me chiamaa vechiuu!
Burbutaa sempre parea
na pigna che buliva.
Un giorno mariaa te na rechia
che Carlì stava male e sera peratu,
nu sarà gne pensauu!
E pasatu un pò de tempu
e Carlì nu c'è la fata, n'era cume sperao.
Al funerale la chiesa del Pinochiu
era piena cume l'ovu, gente de tute le categurie,
Sindaco, sesori, sindacati, pizardoni e mijaia de persune
prese dala cumuziò.
Lì! Ho capitu che persona ch'era,
e vemu persu, tuti queli che l'ha cunusciuto
jane vuluto bè.
Sci eri n'datu in penzio da pogu,
eri dientatu pure nonu.
Ma sei n'datu via tropu prestu,
tropu giovane, cinquantanove ani
so poghi!
Con te la vita ne stata bona,
ma so sciguro che de la vrai le sudisfaziò
che nun 'ai vuto qua.
Ciao amicu mio.


La mia prima auto, toccavo il cielo con un dito


La bianchina - 25 luglio 2013

E' stata la mia prima machina pena presu la patente,
l'aemi pagata sesantamilalire era usata del sesantatre.
Pe cunvince mi padre a cumpramela! Jo detu che
el padrò dela bianchina, facea pecatu a vendela,
era un ciambotu a vende na machina cuscì.
E' se n'ialtri c'è facemi sfuge l'afare!
Erimi do ciamboti se nu la cumprami.
Era culore verde piselu,
pò iu j'avevu fatu piturà i cofani neri.
J'avevu mesu pure el vulantì spurtio
"più de setanta nun facea"
n'tela lea del cambiu, c'javevu saldatu un teschio
pe fal'aparì più catia.
Jo muntatu n'antena fibra de vetru,
arta tre metri che tucaa i balco dei primi pià,
"senza radio quelu custaa tropu".
El giorno che ho muntatu l'antena
e l'ho purtata a fa vedè a mi padre
lu era faciatu dal balco
e roba che je cavu n'ochio, me se n'cazatu li per li.
Cjaveva quatru rote cui cerchiò piturati de gialu,
che pendeano pe drentu, parea cariga de cristià.
Pò la ciliegina sula torta, sedile arbaltabile latu pasegeru"
e nu digu el perchè".
In ti vetri dietru tute pecete picigate
dele sale da balu n'du n'dao.
Ma per me era la più bela del mondu.
El giorno che so n'datu a piala cu mi padre,
nun vuleva partì, e nun è partita
aveva la bateria finita.
Al'ora io ala guida, mi padre dietru che spignea
pe via Vulturnu, na cuminciatu a pioè!
Mi padre se molatu tutu e mentre spignea
me dicea "se nun la cumpramu semu do ciamboti"

 
cerca nel sito
Torna ai contenuti | Torna al menu