Zef Mulaj - "la tua arte ... in internet" by Giuseppe Russo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Zef Mulaj

Zef Dr Mulaj, è nato a Tropoja (Albania), vive a Porto Recanati.

Entrato regolarmente in Italia nel 1994 come collaboratore scientifico, ha conseguito la laurea in farmacia presso l'Università di Camerino (MC - Italia).

Ha sostenuto con esito positivo l'esame di Stato, dopo essersi già laureato alla facoltà di medicina (in farmacia) presso l'Università  di Tirana.

Esperto  in farmacognosia e Fito-Terapia
Esperto internazionale delle piante medicinali
Specialista in tossicologia clinica e ambientale
Specialista sul controllo chimico dei prodotti farmaceutici e la materia prima
Nel campo scientifico ha approfondito il suo studio sulle piante medicinali
Nel 2009 ha pubblicato lo studio su 880 piante medicinali situate nelle Alpi dell'Albania.

Scrive poesie fin da  ragazzo ed ha pubblicato diversi libri.

È membro dell'Associazione dei poeti mondiali (World Poets Society - W.P.S.)

Ha vinto premi nazionali ed internazionali per la poesia.

Ama la natura.

Scrive per la natura e problemi sociali del tempo.

video:


Presentazione del libro "Altri occhi all'orizzonte". Poesie di Zef Mulaj - enter

Recital - 1.06.2014 - enter

Recital - 7.10.2012 - enter

... incontro con l'autore - enter

Prof Dr. Lamberto Re .. Dr Zef Mulaj - enter

Dr. Flamur - enter

http://www.marchenews24.it - "Sguardo oltre i confini" - enter

cliccare sulla miniatura per un ingrandimento della stessa
cliccare sulla miniatura per un ingrandimento della stessa

Il Dott. Zef Mulaj questa volta viene incontro ai lettori con il suo romanzao "Imazh". Una storia che inizia con la  scomparsa di tre ragazzini, che finiscono nelle mani dei trafficanti clandestini internazionali dai Paesi dei Balcani. Romanzo poliziesco criminale.
Protagonista principale è un giovane che ha completato gli studi all'Accademia della Polizia.
Impegnato nella lotta contro traffici di clandestini internazionali trova tre ragazzini scomparsi.
Il protagonista continua nella sua lotta ... ecc.

Il cielo copre le ferite
(Per la libertà)

Lo sguardo rimasto
sul ferro arrugginito
che circondava sogni
il respiro,
il fiore,
seminato per il loro amore.

Lo sguardo bucava il cielo,
gli occhi appiccarono il fuoco.

Cascava il sole
sul cancello di ruggine,
dove le ossa degli uomini
come siepe attorniava
l'orizzonte.

Bilancia il pianeta
sulle loro mani,
vapore dalla canna
caldo si versa
sul loro corpo.

Dal cancello di ruggine
le voci si disperdono
sulle nuvole.

Il cielo copre le ferite …

In una prigione
per la libertà delle parole.

Anche uno sguardo
può essere una prigione ….
quando diventa ruggine
al pensiero.

Il sorriso sotto la pioggia

Con il tuo sorriso
viene una parola
dal cuore.

In silenzio mi consola:
odo anch'io.

Negli occhi mi guardi,
la parola al volto accede
e la voce che conosce usignolo
canta canta:
è sorriso sotto la pioggia.

Così cammino sulle strade
raggiante:
sento anch'io
pioggia pioggia pioggia ...

Il tuo nome

Non piangere
se vieni e non mi troverai
sotto l'ombra
della nostra quercia;
prendi per mano la mia ombra ...

Sul tuo braccio
un uccello verrà;
volando, giungerete nel cielo,
lì troverete me
che scrivo il tuo nome.

cliccare sulla miniatura per un ingrandimento della stessa
Dr. Zef Mulaj - 880 piante medicinali sulle Alpi dell’Albania
copertina libro di Zef Mulaj
 
cerca nel sito
Torna ai contenuti | Torna al menu